Certosa di Calci

Stampa

Posta a 10 km da Pisa, nel Comune di Calci, in una valle ai piedi del monte pisano, detta Val Graziosa, la Certosa di Pisa, più comunemente nota come Certosa di Calci, fu fondata nel 1366 per volontà dell’arcivescovo di Pisa Francesco Moricotti, grazie al lascito di un ricco mercante armeno. L’aspetto attuale risale prevalentemente alle ristrutturazioni settecentesche del Priore Giuseppe Alfonso Maggi (1764 -1797) promotore dei successivi lavori di ampliamento e abbellimento, nonché autore del programma iconografico della decorazione pittorica. Egli riunì in un unico organismo le costruzioni precedenti trasformando così l’antico edificio in un complesso monumentale in stile barocco, composto da un grande cortile interno dedicato alla vita comune e punto d’incontro con il mondo esterno e da una serie di edifici che lo circondano, in cui sono state ricavate le celle, gli orti e gli ambienti più riservati, adatti alla regola della vita certosina. Nel cortile interno spicca la facciata in marmo della chiesa con scala a doppia rampa disegnata a fine Settecento da Nicola Stassi. Abitata dai Certosini fino agli anni Settanta, la Certosa, attualmente, è sede di due musei: il Museo Nazionale della Certosa Monumentale di Calci e il Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa, ospitato in un’ala del complesso monastico.

certosa-di-calci-pisa

 

enEnglish

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Scopri tutti gli itinerariLascia che l'Arno ti Racconti Pisa
Scegliere Layout di pagina
Posizione Header
Stile di sottomenu