Rocca di Caprona

Stampa

Il castello di Caprona, oggi perduto, documentato fin dall’XI secolo, era collocato probabilmente sullo sperone roccioso su cui sorge tuttora la torre di avvistamento, detta “Torre degli Upezzinghi”. L’antica roccaforte permetteva la comunicazione con le strutture fortificate circostanti: la Rocca della Verruca e le torri di Uliveto, così da controllare la zona di terra posta fra il fiume Arno e la propaggine meridionale del Monte Pisano. La “torre degli Upezzinghi”, chiamata comunemente “Torretta”, è invece una copia ottocentesca della torre dell’antico castello, teatro della battaglia tra fiorentini e pisani a cui prese parte anche Dante Alighieri (Inferno, XXI, vv. 94-96). Il castello venne completamente smantellato dai fiorentini nel 1433 a seguito della conquista di Pisa. Negli anni Cinquanta del XX secolo, l’apertura delle cave sul fianco del monte ha fatto sì che i resti dell’antica fortificazione andassero perduti per sempre.

 

rocca-di-caprona

 

enEnglish

Scopri tutti gli itinerariLascia che l'Arno ti Racconti Pisa
Scegliere Layout di pagina
Posizione Header
Stile di sottomenu