Le Logge di Banchi vennero fatte costruire per volontà del Granduca di Toscana Ferdinando I dei Medici tra il 1603 e il 1605. Realizzate da Cosimo Pugliani presumibilmente su disegno di Bernardo Buontalenti, erano la sede del mercato della lana e della seta, dei banchi di cambio e del mercato delle granaglie. Per la realizzazione delle Logge vennero distrutte alcune delle case torri che si affacciavano sul Lungarno. Del progetto originale rimane oggi solo il primo ordine di arcate composto da dodici pilastri in bugnato, rivestiti di marmo con zoccolatura e soprastante bassorilievo a cartiglio. Il primo piano venne completamente restaurato nel 1865 secondo l’aspetto visibile ancora oggi, per divenire da sede dell’Ufficio Fiumi e Fossi a sede dell’Archivio di Stato. Nel 1925, una convenzione tra il Comune di Pisa e l’imprenditore bolognese Cleopatro Cobianchi, permise la realizzazione di un albergo diurno ricavato scavando una serie di locali seminterrati. Nell’occasione venne eccezionalmente recuperato un importante ripostiglio di monete auree del XIII secolo e oggi conservato al Museo nazionale di San Matteo.

 

img_6467

enEnglish

Scopri tutti gli itinerariLascia che l'Arno ti Racconti Pisa
Scegliere Layout di pagina
Posizione Header
Stile di sottomenu